Ricerca
Categoria
 
AGEVOLAZIONI PRIMA CASA
Guida alle agevolazioni 2017

Agevolazioni prima casa: in cosa consistono?

Il bonus sull’acquisto della prima casa prevede la riduzione delle imposte da pagare.

Se il venditore è un privato o un’impresa che vende in esenzione Iva il bonus consiste in:

  1. imposta di registro proporzionale, nella misura del 2%
  2. imposta ipotecaria fissa di 50 euro
  3. imposta catastale fissa di 50 euro

Se acquistate da un’impresa, con vendita soggetta a IVA, il vostro bonus prima casa riguarderà:

  1. Iva ridotta al 4%
  2. Imposta di registro fissa di 200 euro
  3. Imposta ipotecaria fissa di 200 euro
  4. Imposta catastale fissa di 200 euro

Per poter chiedere l’agevolazione:

  1. il fabbricato che si acquista deve far parte di determinate categorie catastali
  2. il fabbricato si deve trovare nel comune in cui avete (o intendete stabilire) la vostra residenza, o in cui lavorate
  3. Dovrete essere in possesso di determinati requisiti

Vediamo ora il dettaglio dei requisiti

Chi ne ha diritto?

Tutti i contribuenti, a prescindere dal proprio reddito, possono fare richiesta di questo bonus , ma nel rispetto di determinati titoli.

Chi presenta richiesta:

  1. Non deve essere titolare, esclusivo, o in comunione con il coniuge, di un’altra casa di abitazione (in proprietà o in usufrutto) nel territorio del Comune in cui si trova l’immobile che sta acquistando.
  2. Non deve essere proprietario, neppure per quote, anche in regime di comunione legale, di un’altra casa di abitazione su tutto il territorio nazionale (in proprietà, in usufrutto, in nuda proprietà) per l’acquisto della quale il richiedente, o il coniuge, abbia già usufruito delle agevolazioni “prima casa”.

Tuttavia, da gennaio 2016, se vi trovate nella situazione al secondo punto potete, comunque, procedere a un nuovo acquisto con il bonus per la prima casa a condizione che vendiate, o cediate, l’immobile già in vostro possesso entro un anno dalla data del nuovo acquisto agevolato.

Attenzione: Se comprate casa nello stesso comune in cui siete già titolari di un immobile per il quale NON avete usufruito dei benefici per la prima casa, NON potrete chiedere il bonus. Questo anche nel caso ci si impegni a vendere l’abitazione di cui siete già in possesso.

La casa per cui si fa richiesta di bonus deve:

  • trovarsi nel territorio del comune in cui avete la vostra residenza
  • In alternativa dovrete impegnarvi a trasferire la residenza nel comune in cui si trova l’immobile entro 18 mesi dall’acquisto. Il cambio di residenza si considera avvenuto nella data in cui presenterete al comune la dichiarazione di trasferimento.

Si ha diritto alle agevolazioni anche:

  • se la casa si trova nel territorio del comune in cui svolgete la vostra attività lavorativa (anche se non retribuita, ad esempio per studio, volontariato, o attività sportive).
  • Se vi siete dovuti trasferire all’estero per ragioni di lavoro potete richiedere il bonus prima casa per un immobile nel comune in cui ha sede o esercita l’attività il vostro datore di lavoro.
  • se siete un cittadino italiano emigrato all’estero (iscritto all’Aire), purché l’immobile che intendere acquistare risulti come “prima casa” sul territorio italiano.

Agevolazioni prima casa: i requisiti dell’immobile

 

Se intendete chiedere il bonus per la prima casa fate attenzione che l’immobile di vostro interesse sia classificato nella categoria catastale del gruppo A (abitazioni), in particolare in una di queste:

  • · A/2 (abitazioni di tipo civile)
  • · A/3 (abitazioni di tipo economico)
  • · A/4 (abitazioni di tipo popolare)
  • · A/5 (abitazioni di tipo ultra popolare)
  • · A/6 (abitazioni di tipo rurale)
  • · A/7 (abitazioni in villini)
  • · A/11 (abitazioni e alloggi tipici dei luoghi).

È possibile estendere le agevolazioni anche a una pertinenza per ciascuna delle seguenti categorie catastali:

  • · C/2 (magazzini e locali di deposito),
  • · C/6 (per esempio, rimesse e autorimesse)
  • · C/7 (tettoie chiuse o aperte)

È indispensabile, ai fini del riconoscimento del bonus, che le pertinenze siano destinate in modo durevole a servizio dell’abitazione principale acquistata beneficiando delle agevolazioni “prima casa”.

Non è possibile applicare il bonus alle abitazioni accatastate come:

  • · A/1 (abitazioni di tipo signorile),
  • · A/8 (abitazioni in ville);
  • · A/9 (castelli e palazzi di eminenti pregi artistici e storici).
  • · A/10 (uffici e studi privati)

Se acquirente e immobile rientrano nei requisiti previsti vi basterà chiedere il bonus per la prima casa direttamente dal notaio, in sede di stipula.

Agevolazioni prima casa: quando si perdono
Il mancato rispetto di alcuni requisiti porta alla cessazione dei benefici legati alla prima casa. In questi casi dovrete versare le imposte risparmiate, gli interessi e una sanzione del 30% delle imposte stesse.

Il bonus prima casa si perde se:

  • Sono state rese delle false dichiarazioni all’atto dell’acquisto;
  • L’abitazione viene venduta, o donata, prima che siano trascorsi 5 anni dalla data di acquisto, a meno che, entro un anno, non si riacquista un altro immobile, anche a titolo gratuito, da adibire a propria abitazione principale.
  • Non si sposta la residenza nel comune in cui si trova l’immobile entro 18 mesi dall’acquisto
  • Entro l’anno dall’acquisto del nuovo immobile non viene venduto quello già posseduto, acquistato con le agevolazioni “prima casa”

Agevolazioni prima casa: credito d’imposta.

Come abbiamo visto se state comprando una seconda casa ma vi impegnate, entro un anno, a vendere quella su cui avevate già usufruito del bonus per la prima casa, avete diritto ad un credito d’imposta pari all’imposta di registro o all’Iva pagata per il primo acquisto agevolato. Il credito d’imposta spetta anche quando il riacquisto avviene con contratto di appalto o di permuta.

 

http://news.immobiliare.it/guida-agevolazioni-prima-casa-2017-30913

Indietro

Data: venerdì 21 luglio 2017
Autore: immobiliare.it